Vince Dumoulin, controlla Froome, ritiro Contador

Vince Dumoulin, controlla Froome, ritiro Contador

Bella impresa di Tom Dumoulin ad Andorra. Chris Froome controlla agevolmente la tappa. Alberto Contador è costretto al ritiro

Onore al merito alla Farfalla di Maastricht Tom Dumoulin (Giant Alpecin) che si infila nella fuga giusta e, nonostante sia attorniato da ottimi scalatori come Rui Costa (2°), Rafal Majka (3°), Daniel Navarro (4°) e Diego Rosa (8°), conquista in solitudine la tappa più dura del Tour de France 2016, quella che proponeva oltre 5.000 metri di dislivello, completamente fuori dai confini francesi. Ma più che la vittoria dell’olandese, fa notizia quello che succede dietro, o meglio, che NON succede dietro: il Team Sky di Chris Froome è dominante su tutte le salite di giornata (ben 5 i gpm in programma in questa tappa partita dalla Spagna ed arrivata ad Andorra), nessuno degli avversari prova ad attaccare il leader della classifica che così si ritrova con le energie intatte e tanti compagni di squadra sull’ascesa conclusiva, dove diventa fin troppo facile rintuzzare i poco convinti attacchi dei rivali. Nairo Quintana, il concorrente più accreditato per la vittoria finale, si limita a rimanere a ruota per 160 chilometri e nemmeno una volta mette la propria ruota davanti a quella del britannico che ringrazia ed archivia un’altra giornata in maglia gialla, minimamente impensierito dalle punture di spillo portate da Richie Porte, Daniel Martin e Adam Yates, i migliori tra gli uomini di alta classifica. Giornata purtroppo negativa per Fabio Aru che si stacca nel finale e perde un minuto, assistito per tutto il tempo da Vincenzo Nibali, positivo nel ruolo di coadiutore. Va peggio ad Alberto Contador, ancora sofferente per le cadute dei primi due giorni, che accusa un attacco febbrile e, pur provando a resistere per un centinaio di chilometri, deve alzare bandiera bianca. E’ un peccato vederlo scendere di bicicletta e salire in macchina, del resto lui è uno che il Tour de France lo ha vinto due volte, ma non avrebbe avuto alcun senso prolungare l’agonia.

Contador

Domani il Tour si godrà la prima giornata di riposo e la carovana stazionerà ancora ad Andorra, mentre martedì la corsa ripartirà dalla Spagna prima di rientrare in Francia con una frazione per larga parte in discesa ed adatta ai velocisti, ma con un finale insidioso.


Ordine d’arrivo, classifiche ed informazioni sul sito ufficiale www.letour.fr

Immagini tratte da www.cyclingnews.com e dalla diretta tv di Eurosport

Leave a Reply

*