Il delfino biancazzurro...Pescara-Zeman: quale scopo ha questo matrimonio?

Zeman rischia una figuraccia nel confronto contro Tedino

Il delfino biancazzurro…Pescara-Zeman: quale scopo ha questo matrimonio?

Il Pescara di Zeman ha interrotto la serie nera di sconfitte, ma, non il corso della sua stagione. La squadra contro l’Empoli ha ancora una volta dato manifestazione della sua incapacità a costruire gioco. Poche storie: sia contro il Milan che contro l’Empoli il migliore in campo è stato Fiorillo. 

Caprari e Bahebeck, simboli di fallimento

Caprari e Bahebeck sono le due facce del fallimento del Pescara di quest’anno. Sì, proprio coloro che hanno collezionato il gol del pari.
L’italiano continua a dimostrare di non avere la caratura per stare in serie A. Ha segnato 8 gol, vero,ma, di questi quanti sono risultati decisivi per portare punti? Due: quelli che sono valsi i pari contro Cagliari ed Empoli, appunto. Gli altri 6 servono per le statistiche.
L’Inter lo ha acquistato già per la prossima stagione, ma, dato il rendimento flop, di certo non lo terrà. E abbiamo dubbi perfino che lo mandi in prestito in serie A.
Su Bahebeck, tecnicamente nulla da dire, ma il fatto che non riesca a giocare una gara intera la dice lunga sulla sua tenuta fisica. Complimenti a chi lo ha preso, senza sapere che avevano un Julian Ross con un’autonomia ancora più ridotta.

Zeman , la mano che non si vede

Il pari con l’Empoli lo certifica: di Zeman questa squadra non ha nulla. Ritmo pari a zero,verticalizzazioni che non portano a nulla. Nè si può dire che il boemo sta costruendo per l’anno prossimo, dato che, questa squadra, verrà, giustamente, smantellata.
Il boemo è servito solo a far aumentare le tirature dei giornali. Non battere un Empoli inguardabile, senza personalità, nè gioco, rappresenta uno dei più grandi fallimenti del boemo, molto più delle goleade che ha subito o degli esoneri.
E lo sa anche lui. A questo punto non resta da capire quali siano i reali progetti di Sebastiani, perchè, l’unica cosa certa, è che al Pescara regna la totale confusione.

Leave a Reply

*