ABBRACCIO ROSSONERO: NO DONNARUMMA? SI PARTY!

ABBRACCIO ROSSONERO: NO DONNARUMMA? SI PARTY!

La telenovela per il rinnovo di Donnarumma, o forse sarebbe meglio dire, per il suo procuratore Raiola, non è ancora finita. Dopo quella per il closing, questa, ha già stufato in meno di un mese

Plizzari. Nuovo campioncino tra i pali per il Milan

Era tutto scritto. Quando c’è Raiola di mezzo, il rinnovo di un contratto, non è mai facile. Ci si trova a dover iniziare un percorso ricco di insidie, ricatti e offerte di altri club portati al club di appartenenza del suo assistito. In questo caso, però, ci troviamo di fronte a un ragazzo d’eccezione: Gigio Donnarumma. Il portiere con il margine di miglioramento più ampio e dotato già, a soli diciotto anni, di tecnica e carisma soliti in portieri più datati e affermati di lui. Donnarumma, con tutta probabilità, diventerà il numero uno al mondo per i prossimi vent’anni , ma vediamo perché, anche in caso di una sua clamorosa cessione, non ci si debba preoccupare più di tanto. Il Milan è da anni, una fucina di portieri, basti pensare a Crosta in forze al Cagliari, autore di un’ottima prova proprio contro il Diavolo all’ultima giornata, ma soprattutto a Plizzari. Nuovo fenomeno tra i pali della squadra Primavera Rossonera. Solo pochi giorni fa è stato premiato come miglior portiere nel suo girone. Secondo assoluto a livello Nazionale e dietro solo al portierone della Roma Primavera. Questo, come a dire : “caro Mino, ci porti via Gigio? Bene, abbiamo già il suo sostituto.” E’ finito il tempo delle vacche magre e dei ricatti. Il Milan è tornato a far la voce grossa e far capire ai suoi giocatori che per rimanere devi prima di tutto meritarlo e che non si scenderà mai più a patti con nessuno qualsiasi sia il suo nome. Non dimentichiamoci di quando la Juventus sacrificò Zidane, dico, Zidane, portando però a casa colpi del calibro di Cannavaro, Buffon, Thuram, Nedved e Inzaghi. Quindi prima di dare per morto il Milan in caso di mancato rinnovo di Gigio, stiamo ben attenti. Chiedere a Moggi per conferme.

Raiola è un “personaggio” e si sapeva. Ma in tutto questo, Donnarumma che fa?

La cosa che personalmente mi fa più male non sono le pretese e i ricatti di Mino, ma l’assordante silenzio di Donnarumma. Gigio, hai passato tutto l’anno a professarti milanista, hai baciato la maglia sotto la curva juventina, hai postato tutto l’anno frasi d’amore e scatti con i tuoi compagni Rossoneri, e ora che fai? Niente. Silenzio. Nessuna battuta se non che devi pensarci. Devi pensare a cosa? Riflettici, va bene, ma fallo! Questo è il bivio più importante della tua vita. Rendi grazie a chi ti ha lanciato nel calcio che conta tra i professionisti a soli diciassette anni. Prova a capire che Raiola, per quanto economicamente cerchi sempre il massimo, non sta certo a ponderare le scelte con quello che sono i sentimenti, le passioni e il bene sul lungo termine. Per porre fine a tutto questo circo mediatico basterebbe un cenno, un post, una frase in cui dici che qualsiasi cosa accadrà tu rinnoverai. L’amore, oltre che a parole, si dimostra con i fatti. E tu caro Donnarumma, oltre a essere un bravissimo portiere, sei, al momento, solamente un grande oratore.

Dobbiamo quindi aspettarci, in caso di cessione, il lancio di un nuovo baby tra i pali?

Assolutamente no. Plizzari è comunque un futuro patrimonio e verrà con tutta probabilità girato in prestito un anno. Qualsiasi sarà la decisione di Gigio. Prende sempre più corpo l’opzione Neto desideroso di lanciarsi in un nuovo progetto vincente da titolare, visto il poco spazio trovato negli ultimi due anni a Torino. Szczesny, dato vicino al Milan nei giorni scorsi, sembra a un passo dalla Juventus. Rimarrebbe anche l’ipotesi Reina, in disaccordo con DeLaurentiis per il rinnovo e non avverso all’idea di cambiare “aria”.

Tutte queste sono, comunque, semplici suggestioni. Credo proprio che Donnarumma rinnoverà e spero che quando potrà parlare, ci spiegherà il motivo di questo doloroso silenzio per quella che è dopo il closing, una nauseante telenovela che nessun tifoso si merita. Decidi in fretta Gigio, il nuovo Milan non può più attendere.

 

 

 

 

Leave a Reply

*