Nel giorno di Barguil, Aru respinge tutti gli attacchi

Barguil a Foix

Nel giorno di Barguil, Aru respinge tutti gli attacchi

TOUR DE FRANCE 2017 – Vittoria di Warren Barguil a Foix nel giorno della festa nazionale francese. Fabio Aru, bravo a respingere gli attacchi, resta leader

La seconda giornata sui Pirenei, con la breve tappa che si concludeva a Foix dopo aver scalato tre gpm di 1^ categoria, era piuttosto difficile da interpretare per le formazioni dei leader della corsa: poteva essere una giornata da fuga di comprimari, ma anche un testa a testa tra gli uomini di classifica che trovavano terreno adatto per sfidarsi. Alla fine si è rivelata un mix di entrambe le possibilità, visto che la fuga da lontano effettivamente è andata, ma dentro c’erano corridori del calibro di Alberto Contador e Mikel Landa, i promotori dell’azione sui quali si sono successivamente portati Nairo Quintana e Warren Barguil. Con un quartetto del genere in avanscoperta, i big non potevano certo stare troppo a guardare ed infatti, a turno, hanno condotto l’inseguimento, senza però rinunciare ad attaccarsi a ripetizione una volta rimasti soli senza compagni.

Nella corsa per la vittoria di tappa, piuttosto facile l’affermazione allo sprint di Warren Barguil, che riporta la Francia a vincere il 14 luglio, il giorno della presa della Bastiglia, davanti a Quintana, Contador ed un esausto Landa, quello che ha spinto più di tutti nel tratto finale per guadagnare preziosi secondi (ora il basco è 5° in classifica a solo 1’09” dalla maglia gialla). Lungo la strada il giovane francese ha anche raccolto punti preziosi per a sua maglia a pois che sembra ormai in cassaforte.

Non è invece al sicuro, tutt’altro, la maglia gialla di Fabio Aru che oggi ha corso davvero bene, rintuzzando i tanti attacchi portati da Chris Froome, Romain Bardet e Rigoberto Uran i più diretti avversari, marcati a vista dal campione sardo che, purtroppo per lui, si è ritrovato ben presto senza compagni di squadra, dopo il ritiro di Jakob Fuglsang che segue quello di Dario Cataldo, i due uomini Astana più importanti in montagna. Superati i Vosgi ed il Jura, completate le salite dei Pirenei, resta in programma il Massiccio Centrale e, soprattutto, le Alpi la prossima settimana: per Aru il traguardo è ancora molto lontano, ma l’autorevolezza e la condizione mostrata oggi lasciano davvero ben sperare…

Qui il racconto e l’ordine di arrivo della 12^ tappa >>> Fabio, c’est magnifique !


Foto Getty Images Sport tratta dal sito www.cyclingnews.com

Leave a Reply

*