Ruggito azzurro: Roma vietata ai napoletani

Ruggito azzurro: Roma vietata ai napoletani

Ennesima doccia fredda

Niente da fare per i napoletani residenti in Campania dovranno rinunciare alla trasferta Roma. L’Osservatorio del Ministero degli interni ha posto il veto ai tifosi azzurri. Inoltre ci sono dubbi pure sull’orario della partita in programma alle 20:45 ma con un possibile spostamento alle 18. L’orario pomeridiano farebbe comodo sia all’Osservatorio stesso per l’ordine pubblico e sia per il Napoli che può guadagnare tempo in vista della trasferta in Inghilterra. Le pay tv sono del parere opposto con la partita Juve-Lazio in contemporanea e con un buco serale che toglierebbe molti spettatori.

Dissapori che hanno radici nel passato

Non scorre mai buon sangue tra i supporters giallorossi e quelli azzurri. La situazione è peggiorata nella maledetta sera del tre maggio quando il Napoli doveva disputare la finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. In quella serata a lasciarci le penne fu il povero Ciro Esposito morto il mese successivo dopo una lunga agonia. Da quel momento la gara contro i giallorossi si è sempre giocata di giorno sia all’Olimpico che al San Paolo evitando qualsiasi tipo di contatto tra le tifoserie. Credo che i napoletani vista la loro condotta negli ultimi anni meritano maggior fiducia da parte degli organi preposti anche perchè è un peccato che in sfide del genere si perda l’occasione di vedere un colpo d’occhio per colpa delle follie di pochissime persone.

Le origini della rivalità

In passato c’era un gemellaggio tra romanisti e napoletani per un’alleanza contro il potere delle squadre del nord. L’amicizia si è rotta dopo che Salvatore Bagni nell’ottantotto a fine gara fece un gestaccio verso i tifosi giallorossi dopo una gara pareggiata all’ultimo minuto e in nove uomini. L’ex giocatore ha ammesso che aveva già avvertito dei cori contro i napoletani, dovuto al fatto che nell’anno dello scudetto tra le fila dei partenopei c’era l’ex laziale Bruno Giordano mal visto dai tifosi della Roma. I rapporti sono via via peggiorati fino ad arrivare alla tragica scomparsa di Ciro Esposito. Invani sono stati i tentativi di ricomporre la frattura e per ora non ci sono margini in tal senso.

Leggi anche:

Napoli: All’Olimpico brilla la luce di Mertens

 

 

Leave a Reply

*