Tra fatturati e detrattori la Juve raggiunge il primo obiettivo stagionale

Tra fatturati e detrattori la Juve raggiunge il primo obiettivo stagionale

Con la vittoria in Grecia i Bianconeri si qualificano per la fase ad eliminazione, ma qualche tifoso storce il naso…intanto per l’allenatore della Juventus fanno 8 su 8..

Non è stata una grande partita. Non si è visto un grande spettacolo. Giocare al Karaiskakis non è facile per nessuno. Persino il Barcellona non è andato oltre lo 0-0 nella casa dell’Olympiakos. La squadra di Allegri, pur non facendo un gran gioco, anzi subendo molto gli avversari, ha portato a casa una netta vittoria per 2-0. Una vittoria che garantisce alla Juventus il passaggio del turno dietro il Barcellona (risultato che era stato preventivato al sorteggio).

Dopo il vantaggio la Juve ha creato poco, lasciando il gioco agli avversari e andando vicina a subire il pari, salvata solo dalla traversa. Szczesny, titolare al posto di Buffon che non era al meglio, si è cimentato in alcune belle parate molto importanti che hanno tenuto in vantaggio la Juve, fino al raddoppio di Bernardeschi che ha chiuso l’incontro. Un Bernardeschi che ha sfruttato a pieno i pochi minuti concessigli dall’allenatore, ancora una volta. Il giovane toscano sta dimostrando di migliorare giorno dopo giorno.

Deludenti i protagonisti più attesi: da Dybala a Douglas Costa, passando per Alex Sandro e Cuadrado, nonostante i due siano stati fondamentali nell’azione del vantaggio. C’è da dire che oltre alla combattività dell’avversario che cambia pelle tra le mura amiche, questa partita era fondamentale e impegnativa dal punto di vista nervoso e veniva in mezzo tra la sfida di Napoli e la partita in casa contro l’Inter. Quindi un risultato ottimo, con il minimo sforzo.

Porta chiusa

Per la quarta partita consecutiva la Vecchia Signora chiude con nessun gol al passivo. Una striscia che è iniziata contro il Barcellona, ha proseguito contro il Crotone, si è confermata in casa del Napoli e ancora una volta in casa dell’Olympiakos. La capacità di non prendere gol che sembrava essersi persa dopo un inizio di stagione con troppe incertezze. Adesso Allegri sembra aver trovato la quadra ad un reparto che storicamente è il punto forte dei Bianconeri.

Lo specialista

Mister Allegri centra l’ottavo passaggio del turno su otto tentativi in Champions League. L’allenatore toscano, mai troppo amato dai tifosi juventini, che ne contestano il “non gioco” della squadra, si conferma specialista della competizione. Adesso sembra aver risolto i problemi in difesa dovuti alla partenza di Bonucci, trovando in Benatia un ottimo centrale difensivo, e non rinunciando alla prolificità in attacco. I bianconeri, infatti, hanno messo a segno già ben 41 reti, molto più di altre squadre che hanno un gioco più spiccatamente offensivo. Certo è che i tifosi della Juventus se ne fanno ben poco del passaggio del turno, dopo 6 anni di successi in Italia e due finali di Champions, l’unico deisderio è di alzare quella maledetta Coppa.

Possibili avversari

Alla Juventus, da seconda in classifica, eviterà sicuramente Bayern Monaco, Chelsea, e Real Madrid, classificate seconde, Roma perchè della stessa federazione e Barcellona perché già affrontato nel girone. Rimangono come possibili avversari: le due squadre di Manchester, il PSG e le meno quotate Tottenham, Liverpool e Besiktas. Un secondo posto in classifica che potrebbe non essere così negativo come due anni fa, quando la Juve pescò nell’urna di Nyon il Bayern Monaco.

Una Juve non bella, ma tremendamente efficace e che nella prossima partita di campionato avrà a possibilità di portarsi ancora più vicina alla vetta del campionato. In attesa di raggiungere l’apice della forma nella seconda parte del campionato. Dopo tutto quello che conta è centrare l’obiettivo finale.

Leggi anche:

http://www.destrosecco.it/2017/12/03/la-juventus-comincia-a-fare-sul-serio-il-san-paolo-e-conquistato/

http://www.destrosecco.it/2017/11/28/mandzukic-quella-strana-voglia-non-tornare-piu/

Leave a Reply

*