Fantacalcio....di Destro: I consigli per la 35° giornata

Fantacalcio….di Destro: I consigli per la 35° giornata

Un weekend che potrebbe essere decisivo su tanti fronti sta per cominciare. La Serie A è l’unico campionato tra i top, ad essere incerto per la vittoria del titolo, ma oltre allo Scudetto ci sono anche lotte appassionanti per i posti Champions ed Europa League, fino ad arrivare all’obiettivo salvezza.

Fantacalcio….di Destro: Chi tra Juve e Napoli solleverà il tricolore? Chi tra Roma, Lazio ed Inter entrerà nell’Europa più prestigiosa e chi dovrà “accontentarsi” della sorella minore a cui ambiscono Atalanta, Milan, Sampdoria, Fiorentina e Torino?

Ed infine, chi accompagnerà il Benevento, ormai retrocesso aritmeticamente, nella serie cadetta e chi si salverà? Tanti i quesiti irrisolti, ma forse dopo questa giornata ne sapremo di più.

Le sfide cruciali sono Inter-Juve per le zone nobili e Crotone-Sassuolo e Hellas-Spal per la permanenza, ma il programma è ricco, ecco perché bisogna prestare agli attaccanti su cui puntare al fantacalcio in questa 35° giornata di Serie A. Ecco i consigli di GCC.

Roma-Chievo

Roma-Chievo: La scoppola di Anfield va accantonata in fretta, perché, prima di pensare alla semifinale di ritorno, bisogna riconquistarsi la Champions almeno attraverso il campionato. El Shaarawy (anche in previsione ritorno col Liverpool) può essere un’arma importante per Di Francesco.

Il Chievo, per non cadere nell’inferno retrocessione, si affida a Stepinski in goal con le grandi (Milan, Napoli e Inter). Schick è vero che si è sbloccato ma rischia la panca, per essere in forma coi Reds. Meggiorini, ormai è dietro nelle gerarchie.

Inter-Juventus

Inter-Juventus: Tango argentino di scena a San Siro: il “Derby d’Italia” vale per la corsa Champions e Scudetto, ma per IcardiDybala e Higuain può valere un pass anche per la Russia. I tre attaccanti sono sotto osservazione per Sampaoli e non vorranno far brutta figura, specie per i due juventini, ultimamente in calo.

Tutti e tre sono da considerare nelle vostre fantaformazioni ma non escludete a priori l’ipotesi Karamoh, anche se dovesse partire dalla panchina a favore del più esperto Candreva. Eder, ormai quasi sparito, è da scartare.

Passiamo alle partite di Domenica

Crotone-Sassuolo: E’ l’uomo del momento: Simy, Zenga e tutti i crotonesi si affidano ai goal del nigeriano che negli ultimi turni ha portato ben 7 punti per la causa salvezza.

A sfidarlo un altro giocatore in un magic moment: Politano, che a suon di gol ha trascinato il Sassuolo fuori dalla zona rischio. Occhio a Berardi, calabrese doc, che potrebbe ritrovare smalto nella sua terra natia. Ricci, non positivo nelle ultime, potrebbe partire riserva.

Atalanta-Genoa: La Dea per l’Europa e per mantenere il sesto posto, in attesa dello scontro diretto col Milan, il Grifone per ottenere il punto che vorrebbe dire salvezza aritmetica, nonostante sia stata già acquisita da tempo.

Il Papu Gomez è tornato in forma in questo finale di stagione e andare su di lui è una garanzia, così come l’enfant prodige Barrow, ultimamente sempre in campo.

Ora si parla del gran gol di Pandev e delle ultime belle gare di Lapadula, ecco perché la rivelazione può essere Galabinov.

Bologna-Milan

Questa può essere l’ultima chiamata per i rossoneri, per restare aggrappati all’Europa, dopo il clamoroso flop col Benevento e non ripetere il trend in climax discendente delle ultime stagioni.

I felsinei, che ricordano l’impresa in 9 del Milan dell’anno scorso, hanno l’ultima chance per battere una grande in casa.
Potrebbe essere duello tra due bomber in difficoltà come Destro e Kalinic, anche se il primo è da valutare per un problema fisico. È derby per l’ex Inter Palacio, e allora lui contro Cutrone, due generazioni a confronto, due sempre affidabili, con + 3 o senza.

Benevento-Udinese: L’orgoglio sannita non può sparire neanche dopo la retrocessione aritmetica, messa in cantiere già da tempo.

Ecco perché i giallorossi tenteranno di onorare fino all’ultimo questo torneo, cercando di mietere un’altra vittima: l’Udinese delle 11 sconfitte di fila, ma con un nuovo timoniere, ossia Igor Tudor.

Squalificato Diabaté, il Benevento punterà sull’eroe di San Siro, Pietro Iemmello. Tra i friulani sembra facile dire il nome di Lasagna, ma il cambio di allenatore potrebbe ridare linfa a Perica, per evitare la clamorosa B, il cui feeling con Oddo non è mai scoccato, ma potrebbe nascere col nuovo mister dato che sono entrambi croati.

Sampdoria-Cagliari: I blucerchiati per riscattare la brutta figura con la Lazio e per restare in corsa nel treno europeo, mentre i rossoblù per trovare punti preziosi nella zona salvezza, visto che un sorriso in trasferta manca dal 18 marzo, poi due sconfitte con zero goal all’attivo.

Quagliarella sfida Pavoletti ma i due attaccanti sono in una profonda fase di involuzione, condita da pochi sprazzi di luce. Tra i due scegliere il primo, ma tra i due litiganti potrebbe spuntarla Kownacki, vista l’assenza di Zapata. Altri nomi interessanti, specie tra i sardi non ce ne sono.

Hellas-Spal: Un vero e proprio crocevia, per le due compagini che attualmente farebbero compagnia al Benevento nella prossima Serie B.

Un solo imperativo per entrambe è vincere, con gli scaligeri che con un successo si avvicinerebbero alla Spal di un punto, ma in caso di debacle lascerebbero scappare i ferraresi dicendo addio quasi sicuro alla A.

Se nell’Hellas segna solo Romulo è un problema, noi vi consigliamo di stare alla larga dai gialloblù o al massimo scommettere su CerciPaloschi è il nome buono per Semplici, visto che Antenucci è in dubbio.

Fiorentina-Napoli: Il Napoli conoscerà già il risultato della Juve, ma se vuole credere nell’impresa al Franchi deve conquistare i tre punti. Aldilà delle fandonie, invece, la Fiorentina non farà sconti per fare un “dispetto” alla Juve, anzi farà il massimo per ritornare al successo che manca da tre punti per continuare a cullare il sogno EL.

Simeone dovrebbe guidare l’attacco dei viola, ma non si esclude la sorpresa Falcinelli, che ha un feeling particolare col gol quando vede azzurro. Mertens, diffidato, sembra in difficoltà, per cui può spuntarla Milik.

L’uomo decisivo per i partenopei sarà Insigne, che a Firenze è stato protagonista nel bene e nel male in passato.

Concludiamo con la sfida tra due bomber di razza

Torino-Lazio: Sfida europea tra una formazione che vuole giocarsi le ultime chance di entrare nell’Europa minore e un’altra che spera di tornare a giocare in Champions.

Sarà la sfida tra i due gemelli del gol della nazionale: Belotti vs Immobile, ma sarà anche la rivincita dopo che la gara d’andata è stata segnata da tante polemiche per l’arbitraggio di Giacomelli.

Un giocatore in fiducia è Ljajic, che da ex Roma vuol punire i suoi antichi rivali, ma occhio alle sorprese Edera e Nani, ultimamente entrati bene negli spezzoni loro concessi.

Leave a Reply

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.